Con l’arrivo del nuovo anno spesso ci dedichiamo ai bilanci e alla riorganizzazione della nostra vita lavorativa, senza tralasciare a volte alcune scelte difficili, anche un po’ rischiose. Questo avviene per esempio quando ci accorgiamo che è giunto il momento di dire addio a un cliente storico che ormai non è più adatto a noi.

Per quanto possiamo spesso sentirci in debito o in soggezione verso i nostri clienti abituali, è giusto ricordare che dobbiamo essere noi a dirigere il gioco e a prendere le giuste decisioni per portare avanti la nostra vita professionale. È nostro diritto ma anche dovere ritagliarci del tempo creativo per far crescere il business e assicurarci che quel tipo e ritmo di lavoro funzionino per noi.

Questo significa che ogni tanto è importante rivedere la nostra attuale lista di clienti e riflettere sulla possibilità di liberarci dei clienti che non ci servono più.

Come si fa a sapere quando è il momento di dire addio a un cliente storico?

Nei primi periodi, quando siamo traduttori alle prime armi e abbiamo appena avviato l’attività, diciamocelo, prendiamo qualsiasi lavoro possibile (compatibilmente con le nostre competenze). Man mano che le nostre abilità migliorano, però, troviamo sempre più soddisfazione in lavori stimolanti e a volte più impegnativi, che richiedono competenze più specifiche.

A questa crescita generalmente si dovrebbe accompagnare un aumento della tariffa: possiamo farci pagare di più per un lavoro più specializzato. Migliorare la qualità dei nostri clienti porta quindi anche a un aumento del fatturato.

Quali fattori considerare per prendere la decisione

Almeno una volta all’anno, ti consigliamo di dare un’occhiata al tuo parco clienti e contrassegnare con una X quelli che:

  • Non mostrano rispetto per il tuo tempo
  • Minimizzano i tuoi sforzi
  • Non ti offrono più lavori stimolanti
  • Ti pagano con la stessa tariffa con cui hai iniziato a lavorare anni fa e non sono disposti a pagare di più
  • Non rispettano i piani di pagamento concordati
  • Chiedono sempre sconti, anche se il lavoro non richiede sforzi minori

I clienti che rientrano in queste categorie andrebbero sostituiti non appena riesci a trovare condizioni migliori.

Conclusioni

Non è facile pensare di dire addio a un cliente storico, specialmente se abbiamo lavorato duramente per acquisirlo. Una scelta di questo tipo va ponderata attentamente e fatta solo nel momento in cui ci sentiamo sicuri di non restare “scoperti” lavorativamente. Resta quindi molto importante fare una continua attività di ricerca di nuovi clienti, anche quando ci sentiamo soddisfatti della quantità di lavori che ci arrivano al momento.

Raffaella Moretti
Raffaella Moretti

Ha un master in Traduzione tecnica. È socia e financial manager di AlfaBeta, una società di consulenza per la comunicazione internazionale specializzata nel web. Coordina la European School of Translation e si occupa di web design, curando i siti web della scuola, della Giornata del Traduttore e dei tanti clienti di AlfaBeta.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Unisciti alla nostra mailing list per ricevere tutte le notizie e gli aggiornamenti della scuola (e qualche offerta speciale!)

L'iscrizione è stata completata!

Share This

Condividi il post

Se il post ti è piaciuto, condividilo con i tuoi colleghi!